Attività svolta: progettazione definitiva in fase di gara - aggiudicazione - progettazione esecutiva per la realizzazione dell'ampliamento del Pronto Soccorso dell'Ospedale Civico di Palermo

Committente: ARNAS "Civico - Di Cristina - Benfratelli"

Date: gara d'appalto 2012 - progetto esecutivo in corso

Superficie:  ampliamento: 833 mq

Partners: S.T.M. Associati (strutture e impianti)

Il progetto riguarda due tipologie di intervento:

ampliamento: nuova edificazione della camera calda, che così potrà ospitare più di un’ambulanza e i veicoli privati adibiti al trasporto dei traumatizzati, la camera calda esistente verrà utilizzata per l’ampliamento dell’area accettazione del Pronto Soccorso; la costruzione ex novo del complesso dedicato all’osservazione a breve e osservazione breve intensiva O.B.I. dei pazienti, area che attualmente si trova al 5° piano e non consente un funzionale riscontro con il Pronto Soccorso; la costruzione ex novo del corpo servizi adiacente alla camera calda esistente;

adeguamento funzionale: razionalizzazione dei percorsi, rivisitazione di tutto il complesso di accettazione, attesa e smistamento dei pazienti, e nuova collocazione dei locali dedicati ai codici bianchi nell’area prima occupata dalla Pubblica sicurezza in modo da essere comunicanti con l’area “triage”. Verranno ristrutturate anche la sala adibita ad isolamento direttamente comunicante con l’esterno; la sala diagnostica cardiologia, e gli attuali locali destinati ai codici bianchi e alla relativa attesa che verranno destinati in parte a sala gessi, ambulatori, e sale per consultazione.

Le tecnologie costruttive si distinguono con la logica che segue: all’interno dell’edificio esistente le partizioni  interne saranno realizzate in muratura tradizionale analoga a quella esistente privilegiando la continuità materica; mentre nel nuovi volumi si è deciso di unificare le tecnologie costruttive di solai e tamponamento perimetrale ricorrendo alle tecnologie del C.A.A. (calcestruzzo aerato autoclavato). L’efficienza energetica dell’edificio è determinata dall’elevato isolamento termico delle pareti perimetrali in blocchi Y-Tong associati ai pannelli di isolamento minerale Multipor e dal tetto verde. Le coperture a verde regolano l’accumulo di acqua piovana restituendone una parte all’atmosfera, producono un effetto termico, rinfrescando in estate e isolando in inverno, filtrano le polveri, captando le particelle fini presenti nell’atmosfera. Il sistema scelto è quello del verde estensivo caratterizzato da spessori ridotti.

sala1def  sala2def

Attività svolta: progetto definitivo - esecutivo 

Committente: Comune di Trapani

Date: progettazione 2011 - costruzione 2015

Superficie:  965 mq - area di intervento 72.615 mq

Partners: Studio Tecnico Associato ingg. F. Lupo e C. Scaccianocerender globali2

Il centro di assistenza e ricovero racchiude al suo interno diverse funzioni: rifugio sanitario con sala operatoria; rifugio per ricovero per la permanenza temporanea di cani non sottoposti a trattamento sanitario; aree per esposizioni canine e gare di agility; cimitero dei cani. Nella pianificazione dell’assetto distributivo all’interno dell’area assegnata si è ri­tenuto opportuno concentrare nei pressi della zona di ingresso, a nord-ovest, tutte le attività cosiddette di servizio: l'edificio destinato all’accoglien­za, incontro, ristoro, manifestazioni ed eventi ricompreso all’interno di un area sistemata a giardino con un campo di agility e servita da un ampio parcheggio; l'edificio destinato alla funzione sanitaria con ambulatori e studio veterinario, alloggio del custode e depositi; l'edificio, più piccolo, inserito nell’area cimite­riale, con i locali di servizio a questa area. Tale collocazione “libera” tutta la porzione di terreno verso sud consentendo la collocazione dei box e delle aree di movimento. I due edifici principali sono costruttivamente uguali: una grande copertura che sporgendo dall'edificio forma anche un passaggio coperto, racchiude le diverse funzioni, separate a terra dalla direttrice nord-sud che permette l’attraversamento dell’edificio e crea un piccolo patio per illuminare gli ambienti che si affacciano su questo per­corso.I tamponamenti sono caratterizzati da uno strato esterno di blocchi di tufo da uno strato di lana di roccia intermedio e da uno strato interno di car­tongesso. L'utilizzo del tufo quale materiale locale e la grande copertura che assolve alla funzione di ombraggiamento minimizzano l'impatto ambientale dell'intervento.

 

PIANTA COLORIpiantapianta2

camera 1 con alberi davanti

camera 2 con alberi davanti

camera 3 con alberi davanti

Attività svolta: progettazione definitiva, esecutiva, direzione lavori, coordinamento sicurezza

Committente: Università degli Studi di Milano

Date: progettazione 1998-1999 costruzione 2000-2004

Superficie:  13730 mq

Partners: General planning S.r.l. (strutture e impianto elettrico) - Serin S.r.l. (impianti meccanici)3d bn

L’Ospedale Veterinario per grandi Animali occupa una superficie di 40.000 mq con 15 edifici che possono essere schematicamente raggruppati in quattro categorie principali per un totale di 9.401 mq di Slp, su 13.732 mq di superficie coperta:
- gli edifici civili sono destinati all’alloggio dei custodi e del personale presente      permanentemente nel complesso ed alle funzioni di ristorazione e foresteria dei ricercatori o  degli eventuali ospiti del complesso;
- gli edifici speciali sono destinati ai dipartimenti di Clinica Veterinaria, Chirurgia, Malattie  Infettive, Anatomia Patologica e Radiologia con aree di Didattica e Ricerca. L’edificio di  didattica e chirurgia ospita i laboratori di ricerca e di analisi di microbiologia, biochimica,  parassitologia, virologia e sierologia.
- gli edifici zootecnici destinati al ricovero di bovini, equini, suini ed ovini;
- gli edifici infrastrutturali raccolgono le centrali tecniche, la cabina di ricezione delle energie, le  aree di stoccaggio dei rifiuti speciali ed urbani e le aree di raccolta deiezioni animali.

LOVE 100 0241   DSC0188   DSC0197

 DSC0166                 DSC0262 DSC0150

 DSC0159   DSC0271 DSC0261

9  015  100 1446

  

    

Attività svolta: concorso di progettazione per la trasformazione e riorganizzazione dell' ex PMIP di via Juvara 22 in Laboratori di Sanità Pubblica della Città di Milano  

Committente: A.S.L. città di Milano

Date: progettazione 2004-2005 costruzione 2006-2010

Superficie: 11.648 mq

Partners: Serin S.r.l (Impianti) - Arch Jacopo della Fontana (space planning ufficio)

immagine1 ok

 

La realizzazione del Laboratorio di Sanità Pubblica della Città di Milano si configura come un progetto ad alto contenuto di complessità, inquadrato nel più ampio progetto di riorganizzazione e riqualificazione dell’Assistenza Sanitaria nella Città di Milano. L’edificio principale, costruito negli anni ’40 e protetto da Vincolo della Sovrintendenza ai Beni Culturali, si sviluppa lungo la via Juvara. 

Il progetto riguarda la riorganizzazione funzionale ed impiantistica dell’intero complesso e ne prevede il completamento con l’inserimento at­tento e misurato di nuovi volumi che risolvono le esigenze funzionali e tecnologi­che indispensabili per il corretto funzionamento dei laboratori. La nuova struttura pubblica, intesa come luogo “sociale” di scambio ed interazione, favorisce l'integrazione multidisciplinare per incoraggiare soluzioni innovative nel campo della sierologia delle malattie infettive, della tossicologia e della biologia molecolare. Uno spazio flessibile. Considerato il laboratorio di ricerca come un modulo standard di 3,00 – 3,30 metri per una lun­ghezza variabile dai 6 ai 9 metri, la flessibilità del layout permetterà l’aggregazione dei singoli moduli e darà  luogo a diverse conformazioni spa­ziali che soddisferanno le differenti necessità di lavoro e uso di attrezzature, assecondando i sempre più rapidi cambiamenti degli approcci scientifici. La nuova torre degli ascensori, aggiunta alla facciata principale, è simbolo e segno esplicito dell’intera riqualificazione.e riqualificazione dell’Assistenza Sanitaria nella Città di Milano. L’edificio principale, costruito negli anni ’40 e protetto da Vincolo della Sovrintendenza ai Beni Culturali, si sviluppa lungo via Juvara.

     

imp02 raddrizzato           Volumetrico 00A  Sezione 01  

imp01 raddrizzato            Volumetrico 02A  Sezione 02

imp03         LSP P2 retro arredato

Attività svolta: concorso di progettazione per la costruzione del nuovo Edificio Ovest per Blocchi Operatori - aggiudicazione - progettazione preliminare, definitiva, esecutiva e direzione lavori.

Committente: Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

Date: progettazione: 1994 - 1997 costruzione: 1998 - 2002

Superficie:  9.800 mq

Partners: General Planning S.r.l. (strutture + impianti) 

BSO Schizzo01

La nuova costruzione è posta in aderenza all’esistente padiglione B del presidio ospedaliero per esigenze funzionali. L’intervento proposto risolve strutturalmente il vincolo imposto dall’edificio Farmacia, presente al piano terra, superandolo con una trave reticolare di 50 metri di luce che sostiene i quattro nuovi livelli.

La realizzazione del nuovo blocco operatorio comprende oltre alle nove sale operatorie, un reparto di rianimazione e terapia intensiva, un reparto di sterilizzazione dedicato sia al nuovo blocco operatorio che integrativo ai reparti esistenti, le centrali tecnologiche e le funzioni accessorie.

L’edificio destinato ai nuovi blocchi operatori è costituito da n. 7 livelli ed è stato concepito con scelte architettoniche, funzionali e logistiche tali garantire un inserimento ambientale e volumetrico che rispetti l’organismo preesistente sia in termini estetici che funzionali, salvaguardando i collegamenti con i reparti esistenti.
L’ossatura portante in acciaio garantisce lo “scavalcamento” della farmacia che, collocata nel cortile in posizione parzialmente interrata, risulta il vincolo esistente principale all’edificazione del nuovo blocco chirurgico.
La struttura è impostata su due torrioni poligonali in cemento armato, portanti l’elemento a ponte in acciaio a travatura reticolare atto a superare il volume diagonale della farmacia e contenenti le due scale per le uscite di sicurezza.

 

3 bs      DSC00024      DSC00032

sala06      ster04      sala08

BSO DSC00017      Corridoio chirurgia      BSO 3

 

© Studio Montanari & Partners
Via Lusardi 10 - 20122 Milano - Italy
P.Iva 04924390158
Informativa privacy e cookies policy

 

 

 

Questo sito fa uso di cookies tecnici.